ascolta è natale

TU SCENDI DALLE STELLE
S. Alfonso Maria De Liguori, nell’anno 1755,trasse spunto da un brano appartenente alla popolarità napoletana (Quanno nascette Ninno). Il testo ricorda i Natali infantili trascorsi nei primi anni delle elementari: qualcosa di genuino, giovane e forse per questo più sentito.

XE QUA LA NOVA STELA
La religiosità popolare racchiusa nei presepi in miniatura, la Natività calata nella propria realtà culturale o rurale, Come il canto, che risalta la semplicità d’animo della nostra gente.

O FELICE O CHIARA NOTTE
L’apparizione della cometa era un segno divino. Penetrando l’oscurità, esprime l’eterna lotta tra bene e male, tra luce e ombra: I pastori increduli, abbandonate le greggi, si misero in cammino, verso l’umile capanna per adorare il Bambino.

DORMI, DORMI...
“Sarai grande un dì...” In questa tenera, solitaria mamma russa ci è consolante riconoscere Maria, che contempla estasiata il suo Divino Figlioletto.

WIEGENLIED
“Canto da culla”, ninna nanna. Buona notte, Bambino, vegliato dagli angeli: sogna il Paradiso! Le rose, che ti coprono, hanno alcune spine; altre più pungenti ti trafiggeranno per la redenzione dell’uomo.

DORMI, BAMBINO DIVIN
Si acuisce la sensibilità nei cantori ed in chi li ascolta, al fluire della melodia che caratterizza la partitura del grande Mozart.

STILLE, NACHT
Dal 1818 l’inno natalizio di J. Mohr e F.X.Gruber ci accompagna al presepe per godere, nel silenzio della Notte Santa, la vista del ricciuto Bambino che si vota alla salvezza dell’uomo già dal suo primo giorno di vita. Maria e Giuseppe, la Santa Coppia privilegiata, completano le mistiche presenze nella musicalità di una preghiera che continua, struggente, a conquistare tanti cuori.

GREEN GARLANDS
Pastori, sovrani,canto di angeli nella lontana Betlemme. Quante aspettative di pace da quell’evento! In questi anni, il Bambino parrebbe nascere incamminato già verso un albero da cui pendere

GLORIA! CANTANO I PASTOR
Dormivano all'aperto i pastori, i primi a ricevere l'annuncio della nascita prodigiosa; eccoli, prediletti per la loro umiltà, a cantare con gli angeli la gloria di Gesù Bambino.

ANDIAMO AL PRESEPE!
"Là nel Presepe, Maria e Giuseppe....." Figli e nipotini, famiglie in armonia: immagini oniriche in chi ascolta lo scampanìo per la Mezzanotte Santa

ADESTE, FIDELES!
Accorrano esultanti i fedeli ad adorare il Signore. Il celebre motivo, composto nel 1751, non manca di fare riferimento ai pastori, che lasciano il gregge, per recarsi con sollecitudine al presepe.

OGGI E’ NATO IN UNA STALLA
Buona notte e Buon Natale dalla gente trentina della Val di Fiemme, Un augurio che parte dal cuore, dalla loro semplicità, che li accomuna a quel Bambino che ha scelto l’umiltà di una stalla, una famiglia povera e semplici pastori come testimoni dell'evento.

SIAMO QUA DEI TRE LORIENTI
La storia dei re Magi …uomini di terre esotiche e ricche di antiche tradizioni, sciamani legati al culto degli astri e Studiosi di astronomia, seguendo la lettura del cielo, avevano riconosciuto in Cristo il salvatore universale.

NOI SIAMO I TRE RE
Oro, incenso, mirra: quale valore simbolico assumono i doni che i magi, venuti da lontano, recano al tanto atteso Bambino?

Rimani aggiornato sulle nostre attività

Iscriviti ora alla nostra newsletter per sapere in anticipo tutti gli appuntamenti con il Coro Val Canzoi!

Noi ci teniamo alla tua privacy. La tua mail sarà usata esclusivamente per comunicazioni dal Coro Val Canzoi.